News

In ottemperanza alle indicazioni del Governo Italiano per contrastare la diffusione del coronavirus, sono sospese le attività dell’Istituto di Cultura Cimbra che comportano assembramenti di persone. In particolare, sono sospese le lezioni del corso di lingua cimbra di Rotzo e le visite al Museo della Tradizione Cimbra di Roana.

In continuazione con i calendari che da oltre 20 anni sono stati pubblicati dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Roana prima e dalla Banca Alto Vicentino poi, è stato pubblicato il calendario 2020 dell’Istituto di Cultura Cimbra. Due gli elementi principali che caratterizzano questo calendario: la lingua cimbra ed il paesaggio dell’Altopiano.

In particolare, sono espressi in cimbro (con la traduzione italiana) i nomi dei mesi, dei giorni e delle feste; inoltre, sono riportati proverbi e modi di dire come “Bèar khüt de baarot, màchatzich hörtan lieban” (Chi dice il vero si fa sempre amare), oppure “De milch khimmet vomme höobe” (Il latte viene dal fieno), o ancora “An khlòaz khint haüte, morgen an mann” (Un bambino oggi, domani un uomo). Per la prima volta, il calendario è scritto con la grafia “normalizzata”, introdotta nel 2018 in occasione della pubblicazione del nuovo dizionario on-line del Cimbro dei Sette Comuni, curato da L. Panieri.

Ogni mese è infine arricchito da splendide fotografie, che raccontano la bellezza del paesaggio dell’Altopiano durante lo scorrere delle stagioni, e ci fanno così riscoprire la magia dell’ambiente in cui abbiamo la fortuna di abitare.

In continuazione con l’attività svolta gli anni scorsi, l'Istituto di Cultura Cimbra di Roana, in collaborazione con la Biblioteca Civica di Rotzo, organizza il CORSO di LINGUA CIMBRA 2019/20.

Due livelli: corso base e corso avanzato.
Quando: tutti i giovedì alle ore 20:30, a partire dal 21 novembre 2019.
Dove: nuova Biblioteca Civica di Rotzo (VI), in via Capovilla.

Per info: telefono 0424 691072 (Lauro Tondello), mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scarica la locandinaDownload

Ci ha lasciati Angelo Frigo Mayer, artista poliedrico e attento conoscitore della lingua cimbra. Il suo ricordo resterà sicuramente vivo fra i Roanesi e fra tutti coloro che hanno a cuore la nostra lingua antica. In particolare, riportiamo un pensiero che ha voluto scrivere il prof. Luca Panieri dell'Università IULM di Milano, autore fra l'altro del nuovo dizionario on-line del cimbro dei Sette Comuni. 

 

‘Z tüumar sovel ante zo bizzan ‘z liebe “Éngalle“ hàtzich vorlàzzet. Bar haban vorlóart asò vil: an guutez un hüppeschez ménnesch, ba hat noch gamöcht gadénkhan un prèchtan de zunga von Zimbarn bia palle khòaz mànz tüunan. Ich han gahàt de galükhe zo khénnanen sédor ich pin khènt aufar zo süuchan auz de Siben Pèrge naach in pèkken von Zimbarn, an minsche darnaach me jaare zbòatausinkh. Ar hat gahàt sovel liep lèsan naach in alten taützen zungen. Schöon ar hat galébet in èrmakhot, ìsar gabeest guut zo khèmman an bizzar von disen zungen, hàbanten zo maataran zo vènnan de nöotigen libarn. Nochdénne, sainten an guutar khopf, met an minsche libarn ìsar gabeest guut zo vorsteenan vil, un von dèmme hàttar saldo gamàchet de gavórsche ba machet dénkhan drau. Az ‘z sain galébach bör gant andarst, klóobich, in baarot, ar hötte gahàt de vorsteenonge zo khèmman professóar von alten zungen, un asò höttar gaèrbatet in an hòogha schuul bia ich. Dar Angelo hat ofte vérte gapréart bia ar bör hörtan puube, un bia an baardar puube, hàttar gahàt vil mòone un hat vil gadürstet naach bizzan saldo mèeront. Un dise peede dinkh saint nöotikh zo mögan geenan idar tief in de bizzekhot.

Ich grüuzadich, guutar kséll, un ich vorgìzzadich nèt. 

Luca Panieri

 

Mi addolora molto aver saputo che il caro “Enghele” ci ha lasciati. Una grave perdita sia sul piano umano, perché aveva un animo gentile, sia per la memoria della lingua cimbra, di cui aveva una competenza ormai rara e difficilmente sostituibile. Ho avuto il piacere di conoscerlo già durante i miei primi sopralluoghi sull’Altopiano sulle tracce del cimbro, all’inizio degli anni 2000. Era una persona animata da una grande passione per la storia delle lingue germaniche. Benché privo di mezzi, era riuscito ad acquisire una conoscenza notevole in questo campo, dovendo penare non poco per procurarsi le letture necessarie allo studio. Ma essendo una persona di intelletto acuto riusciva, con le poche fonti disponibili, a farsi una sua idea delle cose, e a porsi interrogativi sempre pertinenti sui fenomeni linguistici. Sono fermamente convinto che se la vita gli fosse andata diversamente, avrebbe avuto la stoffa dello storico della lingua, e magari sarebbe diventato un mio collega. Angelo era per molti versi un eterno ragazzo, e come tale animato da idee e sete di sapere, ciò che occorre ad intraprendere positivamente ogni studio.

Ti saluto, amico buono, e non ti dimentico.

Luca Panieri

È stato pubblicato il nuovo Quaderno di Cultura Cimbra numero 71. La foto di copertina di questo quaderno, colta da Fabio Ambrosini sul disastro che ha colpito i nostri boschi nell’ottobre scorso, non ha solo un triste valore di cronaca, ma anche di forte simbolo per la crisi che pesa nella vita delle nostre montagne anche sul piano culturale e sociale con cui sempre dobbiamo fare i conti.

ISTITUTO DI CULTURA CIMBRA
“Agostino Dal Pozzo”

via Romeo Sartori, 20
36010 ROANA (Vicenza)
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

‘Z HAUS DAR ZIMBRISCHEN BIZZEKHOT
“Agustin Prunnar”

Romeo Sartori bèkh, 20
36010 ROBAAN (Viséntz)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Dopo l'accettazione si consiglia di ricaricare la pagina. Cookie Policy