Pubblicazioni

Storia della Federazione dei Sette Comuni Vicentini

di Antonio Domenico Sartori (2010)

Quest’opera è un viaggio attraverso la storia dell’Altopiano dei Sette Comuni: dalle origini fino alla caduta della Reggenza dei Sette Comuni, avvenuta dieci anni dopo quella di Venezia, nel 1807.

Francesco Caldogno – Il Leone di S. Marco sulle montagne di Vicenza

di Bruno Maculan (2009)

La ricerca di Bruno Maculan porta nuova luce su Francesco Caldogno, che ha avuto un ruolo storico sulla rilevazione dei confini e nella organizzazione delle difese su un territorio strategico nei rapporti tra la Repubblica di Venezia e l’Impero Asburgico, tra il Veneto e il Trentino.

Dal fiume Brenta ai Sette Comuni, dalla valle dell’Astico agli altopiani di Tonezza e del Fiorentini, dal passo della Borcola a Campogrosso: è questo l’ampio teatro in cui opera il conte Francesco Caldogno, a tutela delle frontiere della Serenissima, tra il 1575 e io 1608.

Impostosi all’attenzione del doge Marino Grimani con la celebre “Relazione delle Alpi Vicentine e de’ passi e popoli loro”, nella quale denuncia le usurpazioni territoriali dei limitrofi abitanti dell’Impero Asburgico, Francesco Caldogno verrà chiamato a ribattere colpo su colpo ad ogni loro affronto mediante una fitta serie di pericolose spedizioni: razzie di bestiame, incendi di pascoli, sequestri di legname, distruzione di malghe e sentieri, cattura di ostaggi, ripristino di vecchi termini confinari… Saranno tali imprese (minuziosamente ricostruibili grazie ai carteggi dell’epoca) a procurargli la stima delle autorità veneziane e l’invidia di molti suoi pari. Morirà improvvisamente nell’agosto del 1608, all’apice della propria carriera, pochi anni dopo essere stato nominato Provveditore ai confini montani vicentini, nonché Cavaliere della Repubblica.

Il ritorno dal profugato

di Nico Lobbia e Sergio Bonato (2008)

Questo libro nasce da una ricerca di Nico Lobbia affidata all’Istituto di Cultura Cimbra alcuni anni fa. Essa è stata integrata da altri contributi e da una straordinaria rassegna di testimonianze fotografiche che ricordano un passaggio fondamentale nella storia dell’Altopiano.

Il ritorno dal profugato dopo l’apocalisse della Grande Guerra, è stato un momento drammatico per l’immenso sacrificio di tante perdite e per l’immenso coraggio nella ricostruzione di paesi e territorio.

Memorie Istoriche dei Sette Comuni Vicentini

di Agostino Dal Pozzo (2007)

Agostino Dal Pozzo è nato a Rotzo nel 1732 e morto a Bassano nel 1798, dopo aver dedicato gran parte della sua vita alla ricerca e alla diffusione delle conoscenze della sua terra. Il suo capolavoro è costituito da queste Memorie Istoriche, pubblicate postume la prima volta nel 1820 dal Comune di Rotzo, sul manoscritto conservato ad Asiago da Angelo Rigoni Stern, commissario distrettuale dei Sette Comuni.

Molto si è scritto e pubblicato sulla storia e sulla cultura dei Sette Comuni, ma l’opera di Agostino Dal Pozzo resta fondamentale per conoscere i vari aspetti del passato dell’Altopiano, compresa la lingua cimbra da lui parlata, scritta, amata con tanta passione.

Gli ultimi anni della Reggenza dei Sette Comuni

di Giovanni A. Frigo Rigo e Daniele Frigo Rigo (2006)

I dieci anni raccontanti in queste pagine hanno visto l’Altopiano passare dalla Repubblica di Venezia all’occupazione francese, poi all’Impero Asburgico e, in seguito, all’Impero Napoleonico. Dieci anni in cui l’antica Reggenza dei Sette Comuni è stata travolta definitivamente dalla modernità, nonostante tentativi estremi e disperati di resistenza. La perdita dell’antica autonomia, con le sue esenzioni e i suoi privilegi, portava questo territorio di montagna verso nuove e più pesanti miserie e povertà.

Di grande interesse è la relazione presentata da Domenico Rigoni Stern alla Corte Imperiale di Vienna, che sintetizza le condizioni economiche e sociali che hanno caratterizzato per secoli la vita dei Sette Comuni. L’economia dell’Altopiano viene presentata in termini chiari, essenziali, definitivi, nel settore agricolo, artigianale, commerciale, con la denuncia delle vessazioni, dei soprusi, degli inganni sulle spalle dei montanari.

Il Ponte di Roana

di Nico Lobbia e Sergio Bonato (1998)

Il ponte di Roana ha valore monumentale che tutti possono ammirare percorrendo la strada che unisce Roana a Canove, attraversando la Valdassa.

Ma esso ha un valore anche storico e culturale. Esso è stato costruito cento anni fa tra infinite difficoltà, tra feroci contrasti, tra ostacoli che sembravano insormontabili. La sua costruzione ha rappresentato una conquista non solo in campo tecnico ed architettonico, ma anche in campo sociale e politico, in quanto ha visto unite le energie di tutto il Comune di Roana e di tutto l’altopiano dei Sette Comuni, con la collaborazione anche della Provincia di Vicenza e dello Stato Italiano.

Questo documento di storia è costituito da una ricerca puntuale condotta da Nico Lobbia, appassionato cultore di vicende altopianesi, con una serie di testimonianze e di fotografie d’epoca e con l’inserimento di quel racconto in lingua cimbra di Domenico Zotti di Camporovere, racconto così vivace ed utile per comprendere la situazione di quegli anni.

Il ponte è simbolo di Roana, paese come tanti separato da vallate, da divisioni e da interessi diversi, ma anche alla ricerca di collegamenti, di relazioni, di integrazioni con i Sette Comuni, con regioni vicine e lontane, per costruire insieme storia di unione e di collaborazione.

ISTITUTO DI CULTURA CIMBRA
“Agostino Dal Pozzo”

via Romeo Sartori, 20
36010 ROANA (Vicenza)
Email: cimbri7comuni@gmail.com

‘S HAUS DAR TZIMBRISEN BISSEKHOT
“Agustin Prunnar”

Romeo Sartori bèg, 20
36010 ROBAAN (Viséntz)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Cookie Policy